Pagina iniziale - La Cooperativa - Storia e scopi
Storia e scopi PDF Stampa
La Cooperativa Fontenuova nasce nel 1986 da una piccola comunità di persone desiderose di concretizzare esperienze di accoglienza e condivisione per contribuire ad una società più a misura d’uomo e in relazione con la natura. Prende il nome dal toponimo della collina dove ha la sede.

La comunità si è data la veste giuridica di cooperativa sociale per avere rapporti con l’esterno e collaborare con le istituzioni in progetti specifici che prevedono l’impiego di figure professionali adeguate.

Tutte le iniziative si fondano sempre sull’interazione con i vari membri della comunità e, quindi, sul coinvolgimento di tutti i sistemi informali e formali che fanno parte di una stessa rete sociale.
Molti soci della cooperativa sono impegnati nelle attività agricole, di tessitura, di produzione e confezionamento  dei prodotti: infatti il lavoro insieme è ritenuto una parte importante della vita delle persone, utile per costruire un rapporto interpersonale creativo e dinamico.

I momenti di approfondimento culturale e religioso, svolti in un confronto intergenerazionale, danno la possibilità di interrogarsi sul senso della realtà. Si crea così una cultura comune fra i vari membri, pur nella diversità di ciascuno e si incrementa la capacità di riflessione e di interiorità del singolo.

Fontenuova ha come contatti privilegiati realtà come quelle che hanno dato vita alla Rete di Lilliput, le famiglie di “Bilanci di Giustizia” e di A.C.F. (Associazione, Comunità, Famiglia), Banca Etica; condivide la pratica del consumo consapevole e ha rapporti con vari G.A.S (Gruppi Acquisto Solidale).

La Cooperativa "abita" una chiesa privata aperta al pubblico che serve anche come sala per le conferenze e per i momenti di gioco; i bambini trovano nell’altare ricoperto dalla tovaglia la loro casa.
I soci, gli amici, e gli utenti del centro diurno hanno in comune il lavoro per produrre  insieme cose belle fatte con le proprie mani. I prodotti vengono venduti sia in loco che alle “Fierucole”. La vendita è vista come scambio, incontro fra persone.